Systemback su Debian Stretch

 

Systemback su Debian Stretch

Systemback su Debian Stretch

Systemback è una applicazione indispensabile, che permette in modo grafico di effettuare un gran numero di cose. Da quello che ho letto non è più supportata, e siccome reputo questo tool valido, ho deciso di riprenderlo in mano e fare delle modifiche allo script per poterlo utilizzare su Debian 9 Stretch. Con Systemback si è in grado di ottenere:

  • Backup di sistema
  • Installazione dell'identico sistema con user e password diversi su altra partizione
  • Ripristino parziale o totale de backup
  • Creazione di immagine Live del proprio sistema
  • Creazione di immagini iso del proprio sistema

Scaricare Systemback

poi:

$ tar xvf Systemback_Debian_Stretch.tar.xz
$ cd Systemback_Debian_Stretch/
$ sudo ./install.sh

il programma andrà lanciato come root, ed in Mate sarà presente nel menu System Tools oppure da terminale:

$ systemback-sustart

 

Systemback su Debian Stretch

Systemback su Debian Stretch

enjoy ๐Ÿ˜‰

 

How to compile kernel 4.15.0-rc6 on Debian 9.3

 

How to compile kernel 4.15.0-rc6 on Debian 9.3

How to compile kernel 4.15.0-rc6 on Debian 9.3

Il kernel 4.15 porta con se diverse novità, e ad oggi siamo ancora alla rc6, ma comunque si può provare a compilarlo direttamente da Debian Stretch 9.3. L'unico problema è la mancanza del pacchetto kernel-package che bisogna procurarselo dai repo testing:

# echo 'deb http://ftp.it.debian.org/debian/ testing main' > /etc/apt/sources.list.d/testing.list
# apt update
# apt install git fakeroot build-essential ncurses-dev libssl-dev bc libelf-dev
# apt --no-install-recommends install -t testing kernel-package
# rm /etc/apt/sources.list.d/testing.list
# apt update

How to compile kernel 4.15.0-rc6 on Debian 9.3

Compilazione ed installazione:

$ wget https://git.kernel.org/torvalds/t/linux-4.15-rc6.tar.gz
$ tar xvf linux-4*
$ cd linux-4.15-rc6/
$ cp /boot/config-$(uname -r) .config
$ make menuconfig
$ make-kpkg clean
$ fakeroot make-kpkg --initrd --revision=1.0.edm kernel_image kernel_headers -j8
$ cd ..
$ sudo dpkg -i linux-image-* linux-headers-*

How to compile kernel 4.15.0-rc6 on Debian 9.3

enjoy ๐Ÿ˜‰

 

Grub Customizer 5.0.6 su Debian Stretch

 

Grub Customizer 5.0.6 su Debian Stretch

Grub Customizer 5.0.6 su Debian Stretch

 

Per Installare Grub Customizer 5.0.6 su Debian 9 Stretch, e quindi andare a modificare in maniera semplice e veloce le opzioni di Grub 2, basta seguire questi semplici steps:

# apt-get install build-essential libssl-dev cmake libgtkmm-3.0-dev gettext libarchive-dev
$ wget https://launchpad.net/grub-customizer/5.0/5.0.6/+download/grub-customizer_5.0.6.tar.gz
$ tar xfv grub-customizer_*
$ cd grub-customizer-*
$ cmake . && make -j4
# make install

Grub Customizer 5.0.6 su Debian Stretch

enjoy

Creare una usb bootable Win10 da Debian 9

 

Creare una usb bootable Win10 da Debian 9

Creare una usb bootable Win10 da Debian 9

Per creare una usb bootable di Windows 10 non bisogna necessariamente ricorrere a programmi Windows, come Rufus o lo strumento che mette a disposizione Microsoft, ma bensì direttamente da ogni distibuzione Gnu-Linux. Gli strumenti che io utilizzo sono: dd, parted, p7zip-full. Ad ogni modo la chiavetta usb si può preparare in modo grafico utilizzando gparted.

# apt install parted p7zip-full

Identificare la chiavetta usb:

# fdisk -l

nel mio caso /dev/sdc di 16G

Formattazione:

# dd count=1 bs=512 if=/dev/zero of=/dev/sdc

 
Creazione tabella delle partizioni più 1 partizione in fat32:

# parted /dev/sdc
(parted) mklabel msdos                                          
(parted) mkpart primary fat32 1 16G                                 
(parted) set 1 boot on                                                   
(parted) q
# mkfs.fat -n win10 /dev/sdc1
# mount /dev/sdc1 /mnt
# cd /mnt/
# 7z x /percorso_win_iso_scaricata/windows10.iso
# cd ..
# umount /dev/sdc1

Creare una usb bootable Win10 da Debian 9

adesso la nostra usb con windows 10 è pronta per essere testata.

enjoy ๐Ÿ˜‰

 

Cracking rete WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

 

Cracking rete WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

Cracking rete WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

Dopo avere installato Fluxion su Debian Stretch, il passo successivo è quello di provare a craccare la password di una rete wifi con cifratura WPA2. Con Fluxion si può tentare un attacco cercando di recuperare la password contando sull'ingenuità dell'utente che si collega, certamente è molto più facile in quelle rete pubbliche/private frequentate da tante persone, poichè ci sono diverse persone che si loggano in breve tempo, ed in mezzo a loro ci sarà sempre qualcuno meno attento. Quindi in questo caso useremo Fluxion e sarà l'utente a servirci la password su un piatto d'argento senza ricorrere ad una attacco bruteforce o dizionario.

Lanciare Fluxion che in modo automatico metterà la scheda in modalità mode monitor:

$ cd fluxion
$ sudo ./fluxion.sh

scegliere la lingua:

Cracking rete WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

premere 1 per fare uno scanning su tutti i canali:

Cracking rete WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

apparirà la finestra Wifi Monitor, che almeno nel mio caso non rileva nessuna rete, infatti come si vede sotto ho una finestra aperta nel terminale per fare un paio di riavvi della scheda, cosicchè da potermi mostrare le reti:

$ sudo /etc/init.d/network-manager restart

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

dopo che Wifi Monitor ha rilevato le reti, chiudere la finestra, e le reti appariranno nel terminale Fluxion, quindi scegliere la rete da attaccare, nel mio caso ho scelto ASUS-MS che è una mia rete wifi con 8 caratteri alfa numerici con maiuscole/minuscole, con cifratura WPA2:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

io ho utilizzato il menu 2 FakeAP-airbase-ng:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

menu 1 Handshake:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

premere invio:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

menu 1 e scegliere pyrit:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

menu 1 scegliere Deauth all:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

si aprirà una finestra in alto a destra che dovrà mostrare necessariamente la cattura  della Handshake, in caso contrario riprovare. Successivamente premere 1 per fare un controllo Handshake

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

menu 1 per la creazione di un certificato SSL:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

scegliere web interface:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

nella nuova finestra appariranno in diverse lingue alcune pagine di login, che serviranno come login per il primo che si conneterà:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

a questo punto siamo pronti a lanciare un attacco ed a metterci in modalità stealth. Come si può vedere nella finestra in alto a sinistra il server è in attesa di raccogliere le informazioni e lo stesso vale per la finestra in basso a sinistra. Nella finestra in altro a destra apparirà il client che si collegherà.

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

quando l'ignaro utente si collegherà ad internet si aprirà una pagina pop up ed immeterà la password che noi siamo pronti a "raccogliere":

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

come si vede sotto non bisogna fare altro che andare in /root/ e leggere la password in chiaro

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

Cracking rete WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

PS: Questa guida è solo a scopo informativo, ricordo che il cracking senza il consenso del proprietario della rete è illegale,illegale,illegale

enjoy ๐Ÿ˜‰

 

Teamviewer 12 64 bit su Debian Stretch

Teamviewer 12 64 bit su Debian Stretch

Teamviewer 12 64 bit su Debian Stretch

Per installare Teamviewer 12 su Debian Stretch 64 BIT, bisogna prima abilitare il supporto al Multi-Arch. e poi procedere con l'installazione:

$ wget https://download.teamviewer.com/download/teamviewer_i386.deb
# dpkg --add-architecture i386
# apt update
# dpkg -i teamviewer_i386.deb
# apt install -f

Teamviewer 12 64 bit su Debian Stretch

enjoy ๐Ÿ˜‰

Installare Fluxion su Debian Stretch

 

Installare Fluxion su Debian Stretch

Installare Fluxion su Debian Stretch

Fluxion al momento è uno dei migliori tools per il cracking wifi, con password WPA/WPA2 senza ricorrere ed  attacchi bruteforce o dizionario. Per installare Fluxion su Debian Stretch, bisogna risolvere alcune dipendenze, sopratutto quella di pyrit, non più presente nei repository Debian.

Installazione dipendenze:

$ sudo apt install -y aircrack-ng reaver rfkill macchanger isc-dhcp-server curl hostapd lighttpd nmap mdk3 php-cgi python-scapy python-pip forensics-extra unzip xterm libpcap-dev libpcap0.8-dev
$ sudo pip install psycopg2
$ sudo pip install libsass
$ sudo pip install scapy

Installazione pyrit:

git clone https://github.com/JPaulMora/Pyrit.git
cd Pyrit/
python setup.py clean
python setup.py build
sudo python setup.py install

Installazione Fluxion:

git clone https://github.com/wi-fi-analyzer/fluxion
cd fluxion/
sudo ./fluxion.sh

Installare Fluxion su Debian Stretch

Installare Fluxion su Debian Stretch

per l'utilizzo nella prossima guida metterò gli screenshots di un attacco ad una rete wifi con password wpa2. La rete sotto attacco sarà la mia.

enjoy ๐Ÿ˜‰

 

Mount partizione Hackintosh HFS+ RW da Debian Stretch

 

Mount partizione Hackintosh HFS+ RW da Debian Stretch

Mount partizione Hackintosh HFS+ RW da Debian Stretch

Guida su come fare il mount di una partizione con macOS Sierra, in HFS+ da Debian Gnu Linux, il tutto in RW, lettura/scrittura. Dopo avere installato macOS Sierra sui miei due portatili, HP Spectre 13 v102nl e HP envy 15-k208nl, mi sono trovato nella condizione di riuscire ad accedere alla partizione in lettura e scrittura. Si risolve con:

sudo apt install hfsprogs
sudo mkdir /mnt/hackintosh/
sudo mount -t hfsplus -o force,rw /dev/sdXX /mnt/hackintosh/

Mount partizione Hackintosh HFS+ RW da Debian Stretch

enjoy ๐Ÿ˜‰

IP Statico su Raspberry pi e Raspbian Stretch

 

IP Statico su Raspberry pi e Raspbian Stretch

IP Statico su Raspberry pi e Raspbian Stretch

Guida su come settare un ip statico su Raspberry pi con OS Raspbian Stretch. I due files da modificare sono: /etc/dhcpcd.conf e /etc/network/interfaces.

sudo nano  /etc/network/interfaces

ed incollare:

auto lo
iface lo inet loopback
iface eth0 inet manual

sudo nano /etc/dhcpcd.conf

e modificare le voci sotto:

# Example static IP configuration:
interface eth0
static ip_address=192.168.1.84/24
static routers=192.168.1.1
static domain_name_servers=192.168.1.1 8.8.8.8

IP Statico su Raspberry pi e Raspbian Stretch

enjoy ๐Ÿ˜‰

 

Configurazione HT 503 con Asterisk 14 e FreePBX 14

 

Configurazione HT 503 con Asterisk 14 e FreePBX 14

Configurazione HT 503 con Asterisk 14 e FreePBX 14

Configurazione HT 503 con Asterisk 14 e FreePBX 14 

Dopo avere installato Asterisk 14 e Freepbx 14 su Raspbian Stretch Lite, ho dovuto configurare il modulo Ata Grandstream HT 503, con qualche differenza rispetto alla guida principale che avevo fatto un po' di tempo fa, e che comunque attualmente funziona con Asterisk 13 e Freepbx 13, ma "stranamente" non funzionante con la versione 14. In Freepbx sia il Trunk che le estensioni sono in chan_sip, ed ho camabiato la porta di default in 5060 in SIP Settings/Chan SIP Settings. Di seguito condividerò alcuni screenshots per una configurazione funzionante su HT 503:

IP HT 503=192.168.1.80
IP SERVER= 192.168.1.84

Configurazione HT 503 con Asterisk 14 e FreePBX 14 Configurazione HT 503 con Asterisk 14 e FreePBX 14Configurazione HT 503 con Asterisk 14 e FreePBX 14 Configurazione HT 503 con Asterisk 14 e FreePBX 14 Configurazione HT 503 con Asterisk 14 e FreePBX 14 Configurazione HT 503 con Asterisk 14 e FreePBX 14

Configurazione HT 503 con Asterisk 14 e FreePBX 14

enjoy ๐Ÿ˜‰