Cracking rete WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

 

Cracking rete WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

Cracking rete WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

Dopo avere installato Fluxion su Debian Stretch, il passo successivo è quello di provare a craccare la password di una rete wifi con cifratura WPA2. Con Fluxion si può tentare un attacco cercando di recuperare la password contando sull'ingenuità dell'utente che si collega, certamente è molto più facile in quelle rete pubbliche/private frequentate da tante persone, poichè ci sono diverse persone che si loggano in breve tempo, ed in mezzo a loro ci sarà sempre qualcuno meno attento. Quindi in questo caso useremo Fluxion e sarà l'utente a servirci la password su un piatto d'argento senza ricorrere ad una attacco bruteforce o dizionario.

Lanciare Fluxion che in modo automatico metterà la scheda in modalità mode monitor:

$ cd fluxion
$ sudo ./fluxion.sh

scegliere la lingua:

Cracking rete WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

premere 1 per fare uno scanning su tutti i canali:

Cracking rete WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

apparirà la finestra Wifi Monitor, che almeno nel mio caso non rileva nessuna rete, infatti come si vede sotto ho una finestra aperta nel terminale per fare un paio di riavvi della scheda, cosicchè da potermi mostrare le reti:

$ sudo /etc/init.d/network-manager restart

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

dopo che Wifi Monitor ha rilevato le reti, chiudere la finestra, e le reti appariranno nel terminale Fluxion, quindi scegliere la rete da attaccare, nel mio caso ho scelto ASUS-MS che è una mia rete wifi con 8 caratteri alfa numerici con maiuscole/minuscole, con cifratura WPA2:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

io ho utilizzato il menu 2 FakeAP-airbase-ng:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

menu 1 Handshake:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

premere invio:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

menu 1 e scegliere pyrit:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

menu 1 scegliere Deauth all:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

si aprirà una finestra in alto a destra che dovrà mostrare necessariamente la cattura  della Handshake, in caso contrario riprovare. Successivamente premere 1 per fare un controllo Handshake

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

menu 1 per la creazione di un certificato SSL:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

scegliere web interface:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

nella nuova finestra appariranno in diverse lingue alcune pagine di login, che serviranno come login per il primo che si conneterà:

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

a questo punto siamo pronti a lanciare un attacco ed a metterci in modalità stealth. Come si può vedere nella finestra in alto a sinistra il server è in attesa di raccogliere le informazioni e lo stesso vale per la finestra in basso a sinistra. Nella finestra in altro a destra apparirà il client che si collegherà.

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

quando l'ignaro utente si collegherà ad internet si aprirà una pagina pop up ed immeterà la password che noi siamo pronti a "raccogliere":

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

come si vede sotto non bisogna fare altro che andare in /root/ e leggere la password in chiaro

Cracking WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

Cracking rete WIFI WPA2 con Debian Stretch e Fluxion

PS: Questa guida è solo a scopo informativo, ricordo che il cracking senza il consenso del proprietario della rete è illegale,illegale,illegale

enjoy πŸ˜‰

 

Installare Fluxion su Debian Stretch

 

Installare Fluxion su Debian Stretch

Installare Fluxion su Debian Stretch

Fluxion al momento è uno dei migliori tools per il cracking wifi, con password WPA/WPA2 senza ricorrere ed  attacchi bruteforce o dizionario. Per installare Fluxion su Debian Stretch, bisogna risolvere alcune dipendenze, sopratutto quella di pyrit, non più presente nei repository Debian.

Installazione dipendenze:

$ sudo apt install -y aircrack-ng reaver rfkill macchanger isc-dhcp-server curl hostapd lighttpd nmap mdk3 php-cgi python-scapy python-pip forensics-extra unzip xterm libpcap-dev libpcap0.8-dev
$ sudo pip install psycopg2
$ sudo pip install libsass
$ sudo pip install scapy

Installazione pyrit:

git clone https://github.com/JPaulMora/Pyrit.git
cd Pyrit/
python setup.py clean
python setup.py build
sudo python setup.py install

Installazione Fluxion:

git clone https://github.com/wi-fi-analyzer/fluxion
cd fluxion/
sudo ./fluxion.sh

Installare Fluxion su Debian Stretch

Installare Fluxion su Debian Stretch

per l'utilizzo nella prossima guida metterò gli screenshots di un attacco ad una rete wifi con password wpa2. La rete sotto attacco sarà la mia.

enjoy πŸ˜‰

 

Wireshark abilitare interfacce di rete

 

wireshark abilitare interfacce di rete

 

Wireshark abilitare interfacce di rete. In questa guida verranno descritti i passaggi per abilitare le interfacce di rete in  wireshark Dopo avere avviato il programma bisogna andare in Capture-Options per scegliere l'interfaccia di rete per lo sniffing, ma di default queste non compaiono su Debian. Per abilitarle:

sudo apt-get install wireshark libcap2-bin
sudo groupadd wireshark
sudo usermod -a -G wireshark $USER
sudo chgrp wireshark /usr/bin/dumpcap
sudo chmod 755 /usr/bin/dumpcap
sudo setcap cap_net_raw,cap_net_admin=eip /usr/bin/dumpcap

a questo punto saranno visibili nel menu Capture-Options.

enjoy πŸ˜‰

 

Cisco VPN client su Debian Wheezy

 

Guida per installare Cisco VPN client su Debian Wheezy ed allo stesso tempo decriptare la password segreta contenuta nel certificato.pcf, che potrà servire per esempio per creare una vpn su iphone, dove c'è bisogno di scrivere la password a mano. I programmi che ci servono sono: vpnc, cisco-decrypt e pcf2vpnc.

 

$ mkdir ciscovpn
$ cd ciscovpn
$ wget http://www.unix-ag.uni-kl.de/~massar/soft/cisco-decrypt.c
$ sudo apt-get install vpnc libgcrypt11-dev
$ gcc -Wall -o cisco-decrypt cisco-decrypt.c $(libgcrypt-config --libs --cflags)
$ chmod +x cisco-decrypt
$ sudo cp cisco-decrypt /usr/bin
$ wget http://svn.unix-ag.uni-kl.de/vpnc/trunk/pcf2vpnc
$ sudo chmod +x pcf2vpnc
$ sudo cp pcf2vpnc /usr/bin

 

Usare il certificato.pcf in vostro possesso:

 

$ sudo pcf2vpnc certificato.pcf lavorovpn.conf

 

non fare caso agli errori:

 

decoding input: No such file or directory
sh: 1: Us3r: not found
decoding input: No such file or directory
vpnc config written to 'lavorovpn.conf' with permissions '100644'.
Please take care of permissions.

 

quindi copiare il file.conf creato in /etc/vpc/ per poterlo poi usare:

 

$ sudo cp lavorovpn.conf  /etc/vpnc/

 

per avviare:

 

$ sudo vpnc lavorovpn

 

per stoppare:

 

$ sudo vpnc-disconnect

 

Questo è tutto.

 

 

(Cracking) Wifite e Reaver nei repository di Debian Sid

 

 

 

Non so quanto è vecchia la notizia, ma siccome mi sono assentato per quasi due mesi dal blog, nei quali non ho seguito nulla, mi sono accorto adesso di alcune novità. Alcuni strumenti utili per il cracking sulle reti wifi, sono stati introdotti nei repository di Debian Sid. Parlo nello specifico di Wifite e di Reaver, ed ho notato che la versione di aircrack-ng è alla versione 1.1-5. Di questi strumenti e sul loro utilizzo avevo parlato in passato, facendo anche delle guide. WifiteReaveraircrack-ng.

 

enjoy πŸ˜‰

Exiftool su Debian Squeeze/Wheezy/Sid pacchetti Deb

 

Avevo già parlato in passato di Exiftool, uno strumento che serve ad estrarre tutti i dati exif da una foto. Nei repo ci sono sicuramente altri programmi per ottenere i dati exif, ma questo è quello che io uso da qualche anno ed ormai mi ci sono affezzionato. Nel mio repository si trovano i pacchetti pronti:

 

Download amd64

Download i386

 

enjoy πŸ˜‰

Eliminare permanentemente tutti i dati di un disco

 

 

 

Negli ultimi periodi capita di avere chiavette usb o hard disk in abbondanza, e quindi di non riuscire più ad utilizzarli. Può capitare di regalare o vendere queste unità disco, e per una questione di sicurezza, sarebbe meglio fare in modo che nessuno si diverta a recuperare qualche dato personale. E' stato dimostrato che più del 30% dei pc connessi ad internet quotidianamente, naviga su siti porno, salvando foto e video zozzi, come fa Picchiopc. Quindi l'obiettivo è quello di rendere la vita difficile a chi vuole sbirciare nelle abitudini altrui πŸ™‚ Una volta identificato il disco da formattare, il comando è semplice:

 

$ sudo dd if=/dev/zero of=/dev/sdX

 

 

enjoy πŸ˜‰

Inviare mail VIP (false) su Debian e Gnu/Linux

 

 

 

$ sudo apt-get install postfix mime-construct

$ cd /bin

$ sudo nano falsamail.sh

ed inserire:

# Invio di mail con account falsi
cat vittime.txt | { while read; do
  mime-construct --header 'Sender: sharon_stone@hollywood.com' --header 'From: sharon_stone@hollywood.com' --to $REPLY --subject 'I am going' --file testofalso.txt
  sleep 2
done
}

 

 

$ sudo chmod +x falsamail.sh

$ sudo nano vittime.txt

 

quindi inserire la mail della vittima. Poi inserire il testo da inviare all'interno di:

 

$ sudo nano testofalso.txt

:

inviare:

 

$ ./falsamail.sh

 

enjoy πŸ˜‰

Reaver WPS su Debian e cracking password WPA/WPA2 in meno di 12 ore

 

 

 

Reaver WPS riesce con un attaco brute force a decifrare la password wpa/wpa2 della nostra rete, in determinate condizioni. Prima di tutto il WPS o Wi-Fi Protected Setup è diffuso nei router domestici, in genere lo si trova sotto la voce wifi-protezione. La vulnerabilità si nasconde prorpio in questo standard, in quanto, se si utilizza la modalità di inserimento pin al posto del push button, questa apre una falla. Praticamente bombardando il router di  pacchetti, questo restituisce molte informazioni utili al cracking. Comunque in rete si trovano spiegazioni più esaustive e dettagliate. Come prima cosa bisogna installare aircrack-ng, e compilarselo, dato che non è più presente nei repository ufficiali, oppure prelevarlo dal mio repository. Per avere quindi reaver su Debian:

 

$ sudo apt-get install libpcap0.8-dev libsqlite3-dev

$ wget 

$ tar -xvf reaver-1.3.tar.gz

$ cd reaver-1.3/src/

$ ./configure

$ make

$ sudo make install

 

mettere in monitor mode la scheda:

 

# airmon-ng start wlan0

 

il comando sopra creerà mon0 in monitor mode

 

Interface    Chipset        Driver

wlan0        Ralink 2561 PCI    rt61pci – [phy0]
                (monitor mode enabled on mon0
)

 

scanning per rilevare reti wpa:

 

# walsh -i mon0 --ignore-fcs

 

attacco:

 

# reaver -i mon0 -b 00:11:22:33:44:55 --dh-small

 

per altri comandi leggere la documentazione all'interno del pacchetto.

 

enjoy πŸ˜‰

(Errori) Installare Aircrack-ng su Debian Sid

 

 

 

 

Trovandomi ad installare Aircrck-ng, con il classico metodo, ho avuto un sacco di errori:

 

 

edmond@Debianbox:~/aircrack-ng-1.1$ make
make -C src all
make[1]: Entering directory `/home/edmond/aircrack-ng-1.1/src'
make -C osdep
make[2]: Entering directory `/home/edmond/aircrack-ng-1.1/src/osdep'
Building for Linux
make[3]: Entering directory `/home/edmond/aircrack-ng-1.1/src/osdep'
gcc -g -W -Wall -Werror -O3 -D_FILE_OFFSET_BITS=64 -D_REVISION=0  -fPIC -I..    -c -o osdep.o osdep.c
gcc -g -W -Wall -Werror -O3 -D_FILE_OFFSET_BITS=64 -D_REVISION=0  -fPIC -I..    -c -o network.o network.c
gcc -g -W -Wall -Werror -O3 -D_FILE_OFFSET_BITS=64 -D_REVISION=0  -fPIC -I..    -c -o linux.o linux.c
linux.c: In function ‘is_ndiswrapper’:
linux.c:165:17: error: variable ‘unused’ set but not used [-Werror=unused-but-set-variable]
linux.c: In function ‘linux_set_rate’:
linux.c:334:22: error: variable ‘unused’ set but not used [-Werror=unused-but-set-variable]
linux.c: In function ‘linux_set_channel’:
linux.c:807:22: error: variable ‘unused’ set but not used [-Werror=unused-but-set-variable]
linux.c: In function ‘linux_set_freq’:
linux.c:896:22: error: variable ‘unused’ set but not used [-Werror=unused-but-set-variable]
linux.c: In function ‘set_monitor’:
linux.c:1022:22: error: variable ‘unused’ set but not used [-Werror=unused-but-set-variable]
linux.c: In function ‘do_linux_open’:
linux.c:1366:12: error: variable ‘unused_str’ set but not used [-Werror=unused-but-set-variable]
linux.c:1352:15: error: variable ‘unused’ set but not used [-Werror=unused-but-set-variable]
linux.c: In function ‘get_battery_state’:
linux.c:1982:35: error: variable ‘current’ set but not used [-Werror=unused-but-set-variable]
cc1: all warnings being treated as errors
make[3]: *** [linux.o] Error 1
make[3]: Leaving directory `/home/edmond/aircrack-ng-1.1/src/osdep'
make[2]: *** [all] Error 2
make[2]: Leaving directory `/home/edmond/aircrack-ng-1.1/src/osdep'
make[1]: *** [osd] Error 2
make[1]: Leaving directory `/home/edmond/aircrack-ng-1.1/src'
make: *** [all] Error 2

 

il problema è dovuto alla versionde di gcc, che è alla versione 4.6.2 (Debian 4.6.2-3), mentre aircrack-ng deve essere compilato con una versione precedente…io ho usato la 4.4, ma dovrebbe funzionare anche la 4.5.

 

# gcc -v

 

quindi non rimane che cambiare versione del compilatore. Se si usa il comando:

 

# update-alternatives --install /usr/bin/gcc gcc-4.4 /usr/bin/gcc-4.4 20

 

la risposta sarà:

 

root@Debianbox:/home/edmond# update-alternatives –install /usr/bin/gcc gcc-4.4 /usr/bin/gcc-4.4 20
update-alternatives: viene usato /usr/bin/gcc-4.4 per fornire /usr/bin/gcc (gcc-4.4) in modalità automatica.

 

per ritornare alla versione precedente, io ho usato:

 

# rm /usr/bin/gcc

# ln -sf /usr/bin/gcc-4.6 /usr/bin/gcc

 

Comunque il pacchetto deb si trova nel repository.

 

ps:ci sarebbe da mettere anche a posto /etc/alternatives/gcc

 

enjoy πŸ˜‰