(Solved) Begin: Running /scripts/local-block

 

(Solved) Begin: Running /scripts/local-block

(Solved) Begin: Running /scripts/local-block

Questo tipo di errore è figlio di quest'altro "start job is running for dev-disk-by…(1min 30s)", che generalmente indica un problema con la partizione di swap. Quando si hanno più distro su uno stesso hard disk è cosa comune condividere la partizione di swap, ma purtroppo questa ultima genera questo tipo di errore, facendo sì che il boot prende molto tempo, bloccandosi prima su "Begin: Running /scripts/local-block" e poi su "start job is running for dev-disk-by…(1min 30s)". Questo tipo di errore si risolve aggiornando initramfs.

# update-initramfs -u -k all

per conoscere uuid:

# blkid

(Solved) Begin: Running /scripts/local-block

enjoy 😉

 

Dual Boot Debian FreeBSD Grub-Efi

 

Dual Boot Debian FreeBSD Grub-Efi

 

Dual Boot Debian FreeBSD Grub-Efi. Dopo l'installazione di FreeBSD a fianco di altri OS, se si utilizza Grub come bootloader, bisogna configurarlo correttamente per riuscire a fare il boot da FreeBSD. Utlizzando l'installer UEFI di FreeBSD, verrano create tre partizioni:

 

root@debianbox:/home/edmond# fdisk -l

Disk /dev/sda: 232.9 GiB, 250059350016 bytes, 488397168 sectors
Units: sectors of 1 * 512 = 512 bytes
Sector size (logical/physical): 512 bytes / 512 bytes
I/O size (minimum/optimal): 512 bytes / 512 bytes
Disklabel type: gpt
Disk identifier: 1473D773-9A10-427F-814C-A04A354C6E1B

Device         Start       End   Sectors  Size Type
/dev/sda1       2048    391167    389120  190M EFI System
/dev/sda2     391168  98047999  97656832 46.6G Linux filesystem
/dev/sda3   98048000 101953535   3905536  1.9G Linux swap
/dev/sda4  101953536 101986303     32768   16M Microsoft reserved
/dev/sda5  101986304 220737535 118751232 56.6G Microsoft basic data
/dev/sda6  220737536 269565951  48828416 23.3G Linux filesystem
/dev/sda7  269565952 269975551    409600  200M EFI System
/dev/sda8  269975552 301432831  31457280   15G FreeBSD UFS
/dev/sda9  301432832 305627135   4194304    2G FreeBSD swap

Disk /dev/sdb: 232.9 GiB, 250059350016 bytes, 488397168 sectors
Units: sectors of 1 * 512 = 512 bytes
Sector size (logical/physical): 512 bytes / 512 bytes
I/O size (minimum/optimal): 512 bytes / 512 bytes
Disklabel type: gpt
Disk identifier: C1A781CD-2BE7-4BC5-8FC1-081B44BB5144

Device        Start      End  Sectors  Size Type
/dev/sdb1      2048   391167   389120  190M EFI System
/dev/sdb2    391168 31641599 31250432 14.9G FreeBSD UFS
/dev/sdb3  31641600 35547135  3905536  1.9G Linux swap

non avendo problemi di spazio non ho bisogno di spostare il contenuto della partizione /dev/sda7 EFI in /dev/sda1 EFI, quindi per poter avviare FreBSD bisogna creare un menuentry corretto per Grub:

# nano /etc/grub.d/40_custom

che deve essere come sotto:

menuentry "FreeBSD" {
insmod part_gpt
insmod fat
set root=(hd0,gpt7)
chainloader /efi/boot/BOOTx64.efi
}

nel mio caso la partizione EFI FreeBSD è su /dev/sda7, quindi é la che deve puntare il menuentry.

# update-grub && grub-mkconfig
# reboot

enjoy 😉

 

(Solved) /proc/devices: No entry for device-mapper found

 

(Solved) /proc/devices: No entry for device-mapper found 

(Solved) /proc/devices: No entry for device-mapper found. Dopo aver compilato il kernel 4.8 su Debian Stretch/Sid, l'ho installato anche su Debian Jessie, e mi sono ritrovato lanciando il comando update-grub, con l'errore "No entry for device-mapper found". Per risolvere il problema bisogna ricompilare il kernel ed abilitare il modulo device-mapper. Per verificare se è presente:

# lsmod | grep -i dm-mod
# modinfo dm-mod

riepilogando:

$ wget https://cdn.kernel.org/pub/linux/kernel/v4.x/linux-4.8.12.tar.xz
$ tar xvf linux-4.8.12.tar.xz
$ cd linux-4.8.12/
$ cp /boot/config-$(uname -r) .config
$ make menuconfig

poi abilitare il modulo in Device Drivers –> Multiple devices driver support (RAID and LVM) –> Device mapper support

(Solved) /proc/devices: No entrfor device-mapper found (Solved) /proc/devices: No entry for device-mapper found(Solved) /proc/devices: No entry for device-mapper found

salvare, e dopo aver ricompilato, riavviare:

# make -j8;make modules -j8;make modules_install -j8;make install
# reboot

enjoy 😉

 

Ripristinare Grub2 EFI amd64 da Chroot su Debian

Ripristinare Grub2 EFI amd64 da Chroot su Debian

 

Guida su come reinstallare o ripristinare Grub2 EFI amd64 da Chroot, su Debian ed in generale su sistemi Linux. Per prima cosa bisognerà identificare la partizione /boot/efi, che potrà essere /dev/sda1 oppure /dev/sda2, successivamente la partizione root da montare, in cui bisognerà ripristinare Grub2 EFI. Nell'esempio sotto, la partizione /boot/efi è /dev/sda1, e la partizione root è /dev/sda3, quindi:

sudo mount /dev/sda3 /mnt
sudo mount /dev/sda1 /mnt/boot/efi
for i in /dev /dev/pts /proc /sys; do sudo mount -B $i /mnt$i; done
sudo rm /mnt/etc/resolv.conf
sudo cp /etc/resolv.conf /mnt/etc/
sudo chroot /mnt
apt-get install --reinstall grub-efi-amd64
update-grub
Ctrl+D

smontare le partizioni:

for i in /sys /proc /dev/pts /dev; do sudo umount /mnt$i; done
sudo umount /dev/sda1
sudo umount /dev/sda3
sudo reboot

enjoy 😉

 

Come creare una Debian Live modalità UEFI

 

Come creare una Debian Live modalità UEFI

 

Guida su come creare una Debian Live in modalità UEFI. Questa guida non spiega le differenze tra Bios o UEFI, o tra MBR o GPT, poichè in rete si trovano esaustive spiegazioni, ma mi soffermerò su come crearsi una Debian Live in modalità d'installazione UEFI, dato che al momento non ci sono immagini ufficiali, o almeno credo. Ad ogni modo dato che io uso Mate come Desktop Environment, mi sono preparato una Debian Jessie Live UEFI personalizzata, con firmware-nonfree. La mia chiavetta viene identificata come /dev/sdb1, quindi:

sudo fdisk -l
sudo umount /dev/sdb1
sudo mkdosfs -F 32 -I /dev/sdb1
sudo mount /dev/sdb1 /mnt
cd /mnt
sudo apt-get install p7zip
sudo 7z x /percorso/del/file/debian-live-8.2.0-amd64.iso
sudo mkdir EFI && cd EFI && sudo mkdir BOOT
cd BOOT/
sudo wget https://svn.code.sf.net/p/edk2/code/trunk/edk2/ShellBinPkg/UefiShell/X64/Shell.efi
sudo mv Shell.efi Bootx64.efi
cd /mnt
sudo nano startup.nsh

ed incollare dentro:

live\vmlinuz initrd=live\initrd.img append boot=live components

salvare, e poi:

cd ..
sudo umount /dev/sdb1
sudo reboot

a questo punto dopo aver riavviato in modalita UEFI, apparirà una shell, e per avviare la Debian Live basterà premere ENTER oppure digitare:

startup.nsh

enjoy 😉

 

Installare Grub 2 versione 2.00-7 su Debian Gnu/Linux

 

Da circa venti giorni nei repo Debian experimental è arrivato Grub 2 con la versione 2.00-7. Non avendo null'altro da fare mi sono deciso ad installarlo:

 

# apt-get install -t experimental grub-pc

 

tutto è andato bene, i sistemi sono stati tutti riconosciuti, e nel menu si nota un cambiamento:

 

Installazione completata, nessun errore segnalato.
Creazione di grub.cfg…
Found background image: /usr/share/images/desktop-base/desktop-grub.png
Trovata immagine linux: /boot/vmlinuz-3.2.0-3-amd64
Trovata immagine initrd: /boot/initrd.img-3.2.0-3-amd64
Attenzione: Please don't use old title `Debian GNU/Linux, con Linux 3.2.0-3-amd64' for GRUB_DEFAULT, use `Advanced options for Debian GNU/Linux>Debian GNU/Linux, con Linux 3.2.0-3-amd64' (for versions before 2.00) or `gnulinux-advanced-ac56aa26-0325-40a2-a4f6-7b82017bafbf>gnulinux-3.2.0-3-amd64-advanced-ac56aa26-0325-40a2-a4f6-7b82017bafbf' (for 2.00 or later)

 

nel nuovo menu di Grub 2, nella lista del nostro kernel apparirà la nuova voce, "Opzioni avanzate per Debian GNU/Linux", utile come al solito per eventuali recuperi di sistema.

 

enjoy 😉

Installare Grub-Customizer 3.0.2 su Debian Wheezy/Sid

 

 

 

Grub Customizer serve ad abbellire e modificare il menu di Grub 2. Per installarlo su Debian Wheezy/Sid:

 

 

# apt-get install libssl-dev cmake libgtkmm-2.4-dev

$ wget https://launchpad.net/grub-customizer/3.0/3.0.2/+download/grub-customizer_3.0.2.tar.gz

$ tar xfv grub-customizer_3.0.2.tar.gz

$ cd grub-customizer-3.0.2/

$ cmake

$ make -j3

# make install

 

enjoy 😉

Ripristinare Grub2 da chroot da una Debian Live

 

Il metodo che ho sempre usato, ogni qual volta ho avuto la necessità di ripristinare il bootloader (Grub2), è stato quello del chroot. Ho preso questa abitudine dopo che mi sono accorto un bel po di tempo fa, che spesso ii metodi "normali" non sempre mi funzionavano. Invece questo metodo non ha mai fallito.

 

Requisiti:

Cd live, della stessa architettura del sistema da recuperare.

 

$ sudo fdisk -l
$ sudo mount /dev/sdXX /mnt
$ for i in /dev /dev/pts /proc /sys; do sudo mount -B $i /mnt$i; done
$ sudo chroot /mnt
# grub-install /dev/sdX
  CTRL-D
$ sudo reboot

 

enjpy 😉

Debian Squeeze e problemi di restart

 

 

 

 

Se capita di avere problemi col riavvio in Debian, ora sapete con chi prendervela :). Ultimamente per una questione di tempo, ho installato Debian Squeeze da un Live CD, e di conseguenza mi sono ritrovato con il problema di non riuscire, una volta riavviato, a vedere gli altri O.S. nel menu di Grub. Tutto questo per opera di kexec-tools, questo pacchetto fornisce strumenti per caricare in memoria un kernel e poi "riavviare" direttamente in questo kernel tramite la chiamata di sistema
kexec, bypassando il normale processo di avvio.

 

# apt-get remove --purge kexec-tools

 

enjoy 😉

Update-grub da chroot

 

Installando Debian quasi sempre da chroot, ho bisogno di fare un update-grub dalla partizione /dev/sda1 dove è installata Debian Squeeze con Grub (MBR). Chiaramente se sono su Squeeze non c'è nessun problema, ma se invece sono su un'altra partizione, ho bisogno di chroottarmi in Squeeze e dare un update-grub. Per non avere errori bisogna prima montare /dev /sys /proc: Quindi, montare la partizione principale, nel mio caso /dev/sda1, e poi procedere con il mount:

 

# mount /dev/sda1 /mnt/debian
# mount -o bind /dev /mnt/debian/dev
# mount -o bind /sys /mnt/debian/sys
# mount -o bind /proc /mnt/debian/proc
# chroot /mnt/debian /bin/bash
# update-grub
# grub-mkconfig

 

 

enjoy 😉