XAMPP con PHP 7 su Debian Jessie

 

XAMPP con PHP 7 su Debian Jessie

 

XAMPP è una suite completamente gratuita e facile da installare che contiene Apache, MariaDB, PHP, e Perl. La pagina di download è la seguente, una volta scaricato l'installer, cambiare i permersi ed iniziare l'installazione:

$ chmod 755 xampp-linux-*-installer.run
$ sudo ./xampp-linux-*-installer.run --mode gtk --installer-language it

alla fine si potrà scegliere di lanciare subito xampp, e quindi andare in Manage-Servers per avviare i servizi:

XAMPP con PHP 7 su Debian Jessie

 

La schermata iniziale è raggiungibile all'indirizzo http://localhost/. Per avviare xampp da interfaccia grafica quindi utilizzare:

$ sudo /opt/lampp/manager-linux-x64.run

altrimenti si possono utilizzare i seguenti singoli comandi:

$ sudo /opt/lampp/xampp start
$ sudo /opt/lampp/xampp stop
$ sudo /opt/lampp/xampp restart
$ sudo /opt/lampp/xampp startapache
$ sudo /opt/lampp/xampp startmysql
$ sudo /opt/lampp/xampp startftp
$ sudo /opt/lampp/xampp stopapache
$ sudo /opt/lampp/xampp stopmysql
$ sudo /opt/lampp/xampp stopftp
$ sudo /opt/lampp/xampp enablessl
$ sudo /opt/lampp/xampp disablessl

Per il server ProFTP: nome utente «nobody», password «lampp». E' necessario mettere in sicurezza xampp, creando le password di accesso per i vari servizi. Il comando è il seguente:

$ sudo /opt/lampp/xampp security

XAMPP con PHP 7 su Debian Jessie

enjoy πŸ˜‰

 

Server DHCP su Debian Jessie

 

Server DHCP su Debian Jessie. Installazione e configurazione di un server dhcp su Debian Jessie:

# apt install isc-dhcp-server

settare la scheda di rete da utilzzare, nel mio caso eth0::

# nano /etc/default/isc-dhcp-server

                                                                                                             

# Defaults for isc-dhcp-server initscript
# sourced by /etc/init.d/isc-dhcp-server
# installed at /etc/default/isc-dhcp-server by the maintainer scripts

#
# This is a POSIX shell fragment
#

# Path to dhcpd's config file (default: /etc/dhcp/dhcpd.conf).
#DHCPD_CONF=/etc/dhcp/dhcpd.conf

# Path to dhcpd's PID file (default: /var/run/dhcpd.pid).
#DHCPD_PID=/var/run/dhcpd.pid

# Additional options to start dhcpd with.
#       Don't use options -cf or -pf here; use DHCPD_CONF/ DHCPD_PID instead
#OPTIONS=""

# On what interfaces should the DHCP server (dhcpd) serve DHCP requests?
#       Separate multiple interfaces with spaces, e.g. "eth0 eth1".
INTERFACES="eth0"


poi modificare il file dhcpd.conf inserendo i parametri della nostra rete, nel mio caso 192.168.100.0/24:

# nano /etc/dhcp/dhcpd.conf
# Sample configuration file for ISC dhcpd for Debian
#
#

# The ddns-updates-style parameter controls whether or not the server will
# attempt to do a DNS update when a lease is confirmed. We default to the
# behavior of the version 2 packages ('none', since DHCP v2 didn't
# have support for DDNS.)
ddns-update-style none;

# option definitions common to all supported networks...
option domain-name "example.org";
option domain-name-servers ns1.example.org, ns2.example.org;
default-lease-time 600;
max-lease-time 7200;

# If this DHCP server is the official DHCP server for the local
# network, the authoritative directive should be uncommented.
#authoritative;

# Use this to send dhcp log messages to a different log file (you also
# have to hack syslog.conf to complete the redirection).
log-facility local7;

# No service will be given on this subnet, but declaring it helps the
# DHCP server to understand the network topology.

#subnet 10.152.187.0 netmask 255.255.255.0 {
#}

# This is a very basic subnet declaration.
subnet 192.168.100.0 netmask 255.255.255.0 {
range 192.168.100.150 192.168.100.253;
option routers 192.168.100.1;
option subnet-mask 255.255.255.0;
option broadcast-address 192.168.100.254;
option domain-name-servers 192.168.100.1, 192.168.100.2;
option ntp-servers 192.168.100.1;
option netbios-name-servers 192.168.100.1;
option netbios-node-type 8;
}
#subnet 10.254.239.0 netmask 255.255.255.224 {
#  range 10.254.239.10 10.254.239.20;
#  option routers rtr-239-0-1.example.org, rtr-239-0-2.example.org;
#}

# This declaration allows BOOTP clients to get dynamic addresses,
# which we don't really recommend.

#subnet 10.254.239.32 netmask 255.255.255.224 {
#  range dynamic-bootp 10.254.239.40 10.254.239.60;
#  option broadcast-address 10.254.239.31;
#  option routers rtr-239-32-1.example.org;
#}

# A slightly different configuration for an internal subnet.
#subnet 10.5.5.0 netmask 255.255.255.224 {
#  range 10.5.5.26 10.5.5.30;
#  option domain-name-servers ns1.internal.example.org;
#  option domain-name "internal.example.org";
#  option routers 10.5.5.1;
#  option broadcast-address 10.5.5.31;
#  default-lease-time 600;
#  max-lease-time 7200;
#}

# Hosts which require special configuration options can be listed in
# host statements.   If no address is specified, the address will be
# allocated dynamically (if possible), but the host-specific information
# will still come from the host declaration.

#host passacaglia {
#  hardware ethernet 0:0:c0:5d:bd:95;
#  filename "vmunix.passacaglia";
#  server-name "toccata.fugue.com";
#}

# Fixed IP addresses can also be specified for hosts.   These addresses
# should not also be listed as being available for dynamic assignment.
# Hosts for which fixed IP addresses have been specified can boot using
# BOOTP or DHCP.   Hosts for which no fixed address is specified can only
# be booted with DHCP, unless there is an address range on the subnet
# to which a BOOTP client is connected which has the dynamic-bootp flag
# set.
#host fantasia {
#  hardware ethernet 08:00:07:26:c0:a5;
#  fixed-address fantasia.fugue.com;
#}

# You can declare a class of clients and then do address allocation
# based on that.   The example below shows a case where all clients
# in a certain class get addresses on the 10.17.224/24 subnet, and all
# other clients get addresses on the 10.0.29/24 subnet.

#class "foo" {
#  match if substring (option vendor-class-identifier, 0, 4) = "SUNW";
#}

#shared-network 224-29 {
#  subnet 10.17.224.0 netmask 255.255.255.0 {
#    option routers rtr-224.example.org;
#  }
#  subnet 10.0.29.0 netmask 255.255.255.0 {
#    option routers rtr-29.example.org;
#  }
#  pool {
#    allow members of "foo";
#    range 10.17.224.10 10.17.224.250;
#  }
#  pool {
#    deny members of "foo";
#    range 10.0.29.10 10.0.29.230;
#  }
#}

dopo le modifiche riavviare il servizio:

# /etc/init.d/isc-dhcp-server restart

Server DHCP su Debian Jessie

enjoy πŸ˜‰

 

OpenVPN con DD-WRT Debian ed iPhone con ios 10

 

dd-wrt

OpenVPN con DD-WRT Debian ed iPhone con ios 10. Con l'arrivo di ios 10 non è più possibile utilizzare una VPN PPTP , ed era quella che io usavo velocemente per connettermi al mio router linksys e1220 aggiornato con dd-wrt. Questa guida mostra come ottenere una VPN funzionante utilizzando OpenVpn server direttamente dal nostro router, e come creare i vari certificati e chiavi con relativa configurazione lato client, questo sia su Debian che su iPhone 6S con ios 10. Io utilizzo Debian Jessie, ma questa guida vale per tutte le distro. Iniziamo.

OpenVPN con DD-WRT Debian ed iPhone con ios 10

Installazione server OpenVpn:

# apt install openvpn easy-rsa
# mkdir /etc/openvpn/easy-rsa/
# cp -r /usr/share/easy-rsa/* /etc/openvpn/easy-rsa/
# nano /etc/openvpn/easy-rsa/vars

a questo punto modificare in base alle proprie esigenze il file vars, come sotto, così successivamente basterà premere Invio quasi sempre.

export KEY_COUNTRY="IT"
export KEY_PROVINCE="Lombardia"
export KEY_CITY="Milano"
export KEY_ORG="DDWRT-VPN"
export KEY_EMAIL="me@myhost.mydomain"
export KEY_OU="DDWRT-VPN"

Creazione certificati/chiavi lato server:

# cd /etc/openvpn/easy-rsa
# source vars
# ./clean-all
# ./build-ca
# ./build-key-server serverddwrt
# ./build-dh

i certificati verranno creati in /etc/openvpn/easy-rsa

Creazione certificati/chiavi lato client:

io ho creato diverse chiavi per i miei devices:

# source vars
# ./build-key iphone
# ./build-key ipad
# ./build-key debianbox
# ./build-key win10

a questo punto tutti i certificati e le chiavi sono state create nella cartella keys in /etc/openvpn/easy-rsa/keys. Non rimane che accedere al nostro router di solito , ed andare in Services-VPN ed abilitare OpenVPN Server/Daemon, come si vede nell'immagine sotto. Nel mio caso la mia rete è 192.168.1.1 e per OpenVpn ho scelto la classe IP 192.168.75.0.

OpenVPN su DD-WRT Debian ed iPhone con ios 10

adesso bisogna aprire con un editor di testo i vari certificati e fare un copia ed incolla di tutto quello che si trova tra –BEGIN CERTIFICATE– e —END CERTIFICATE–. I certificati da incollare direttamente nella web gui sono i seguenti:

Public Server Cert= serverddwrt.crt
CA CERT= ca.crt
Private Server Key = serverddwrt.key
DH PEM = dh2048.pem

ddwrt-openserver-crt

nella sezione più in basso Additional Config inserire:

push "route 192.168.1.0 255.255.255.0"
push "redirect-gateway def1 bypass-dhcp"
dev tun0
proto tcp
keepalive 10 120

poi andare in Administration-Commands ed inserire:

iptables -I INPUT 1 -p tcp --dport 1194 -j ACCEPT
iptables -I INPUT 1 -p udp --dport 1194 -j ACCEPT
iptables -I FORWARD 1 --source 192.168.1.0/24 -j ACCEPT
iptables -I FORWARD -i br0 -o tun0 -j ACCEPT
iptables -I FORWARD -i tun0 -o br0 -j ACCEPT

e premere Save Firewall.

firewall

per avere conferma che tutto è andato bene, portarsi in Status-OpenVpn e si dovrebbe leggere Server: CONNECTED SUCCESS

ddwrt-openvpn

 

Configurazione di OpenVpn client su Debian Jessie:

# apt install network-manager-openvpn network-manager-openvpn-gnome

e configurarlo come sotto:

network-manager-openvpn

network-manager-openvpn-advanced

 

Configurazione iPhone:

OpenVPN con DD-WRT Debian ed iPhone con ios 10

 

Per prima cosa installare direttamente da Apple Store OpenVpn. Dopodichè creare un file iphone.ovpn come sotto:

client
dev tun
proto tcp
remote inserire_indirizzo_IP/DDNS 1194
nobind
persist-key
persist-tun
verb 4
float
ca ca.crt
cert iphone.crt
key iphone.key
comp-lzo yes
tun-mtu 1500
auth SHA1
cipher AES-256-CBC

a questo punto tramite iTunes, caricare all'interno del programma OpenVpn i 4 files:

  1. ca.crt
  2. iphone.crt
  3. iphone.key
  4. iphone.ovpn

OpenVPN con DD-WRT Debian ed iPhone con ios 10

enjoy πŸ˜‰

 

 

(Solved) login incorrect problem con Vsftp


(Solved) login incorrect problem con Vsftp. Questo è un errore che si è presentato nel momento in cui ho cercato di accedere al server ftp, nella fattispecie Vsftp. Naturalmente user e password erano corretti, ma molto probabilmente qualcosa è cambiato in vsftpd. Il problema si risolve modificando la stringa inerente a pam in vsftpd.conf:

# nano /etc/vsftpd.conf

da così:

# This string is the name of the PAM service vsftpd will use.
pam_service_name=vsftp

a così:

# This string is the name of the PAM service vsftpd will use.
pam_service_name=ftp

enjoy πŸ˜‰

 

( Solved ) OwnCloud Maintenance Mode

 

Solved OwnCloud Maintenance Mode

Solved OwnCloud Maintenance Mode

Dopo ogni aggiornamento di ownCloud, quando si cerca di accedere al pannello di controllo, il messaggio che appare è quello nella figura sopra. OwnCloud in Maintenance Mode. Per risolvere il problema:

sudo /var/www/owncloud/config/config.php

ed alla voce maintenance sostituire "true" con "false". Dopodichè ricaricare la pagina e procedere con l'aggiornamento.

Solved OwnCloud Maintenance Mode

enjoy πŸ˜‰

 

Owncloud Client su Debian Jessie/Strech

 

Owncloud Client su Debian Jessie

Owncloud Client su Debian Jessie/Strech. Dopo aver creato un server Owncloud su raspberry pi 3, lo step successivo è stato quello di installare Owncloud Client su Debian Jessie, su windows, ipad ed iphone. Installando il client direttamente dai repository Debian si incorre in un errore di autenticazione: owncloud client linux error wrong credentials. Per risolvere il problema bisogna scaricare ed installare il client direttamente dal sito ufficiale.

# echo 'deb http://download.opensuse.org/repositories/isv:/ownCloud:/desktop/Debian_8.0/ /' >> /etc/apt/sources.list.d/owncloud-client.list
# apt-get update
# wget http://download.opensuse.org/repositories/isv:ownCloud:desktop/Debian_8.0/Release.key
# apt-key add - < Release.key
# apt-get install owncloud-client

enjoy πŸ˜‰

 

Owncloud 9 Apache Mysql su Raspberry Pi 3 e Raspbian

 

Owncloud 9 Apache Mysql su Raspberry Pi 3 e Raspbian

 

Owncloud 9 Apache Mysql su Raspberry Pi 3 e Raspbian. Io su Raspberry Pi 3, ho un server Webdav e mi trovo bene, qua la guida. ma ho voluto provare Owncloud, poichè è molto più personalizzabile, e ti permette di condividere link, con password e data di scadenza. Io ho utilizzato come disco esterno una pen drive da 128G, formattata in NTFS, ma si può utilizzare anche un hard disk esterno, possibilmente alimentato. 

sudo mkdir /media/usb-hdd

identificare la chiavetta con:

sudo tail -f /var/log/messages

oppure:

sudo fdisk -l

conoscere UUID per procedere con il mount automatico:

sudo blkid /dev/sda1

il comando sopra restituirà qualcosa del genere:

/dev/sda1: UUID="10C67902162A661E" TYPE="ntfs" PARTUUID="eaf9ab2e-01"

quindi configurare fstab:

sudo nano /etc/fstab

che dovrebbe essere come sotto:

UUID=10C67902162A661E /media/usb-hdd/ ntfs-3g permissions,defaults,auto

poi:

sudo reboot

 

Installazione di Owncloud ed i servizi necessari:

 

wget -nv https://download.owncloud.org/download/repositories/stable/Debian_8.0/Release.key -O Release.key
sudo apt-key add - < Release.key
sudo sh -c "echo 'deb http://download.owncloud.org/download/repositories/stable/Debian_8.0/ /' >> /etc/apt/sources.list.d/owncloud.list"
sudo apt-get update && sudo apt-get install owncloud

verrà chiesto di scegliere una password per mysql.

 

Configurazione Mysql:

 

sudo mysql -u root -p

inserire la password di mysql, e poi i 4 comandi sotto, scegliendo Utente e Password per l'utente owncloud:

CREATE DATABASE owncloud;
GRANT ALL PRIVILEGES ON owncloud.* TO USER@localhost IDENTIFIED BY 'PASSWORD';
FLUSH PRIVILEGES;
exit

riavviare mysql:

sudo service mysql restart

 

Web Server Apache2 con SSL:

 

sudo openssl genrsa -out server.key 4096
sudo openssl req -new -key server.key -out server.csr

ci saranno alcune voci da riempire, ma quella più importante è COMMON NAME, che io ho fatto puntare al mio hostname DynDNS per l'accesso da remoto:

Owncloud 9 Apache Mysql su Raspberry Pi 3 e Raspbian

Owncloud 9 Apache Mysql su Raspberry Pi 3 e Raspbian

 

sudo openssl x509 -req -days 1825 -in server.csr -signkey server.key -out server.crt -sha256
sudo chmod 400 server.key
sudo mv server.key /root/server.key
sudo mv server.crt /root/server.crt
sudo cp /etc/apache2/sites-available/000-default.conf /etc/apache2/sites-available/000-default.conf_bak
sudo nano /etc/apache2/sites-available/000-default.conf

e modificare DocumentRoot come sotto:

DocumentRoot /var/www/owncloud

poi ancora:

sudo rm -rf /var/www/html/
sudo nano /etc/apache2/sites-available/default-ssl.conf

e modificare le voci DocumentRoot, SSLCertificateFile, SSLCertificateKeyFile, come sotto:

DocumentRoot /var/www/owncloud
SSLCertificateFile /root/server.crt
SSLCertificateKeyFile /root/server.key

abilitare la crittografia:

sudo a2ensite default-ssl.conf
sudo service apache2 reload
sudo a2enmod ssl
sudo service apache2 restart

alcune modifiche necessarie:

sudo nano /etc/php5/apache2/php.ini

fare una modifica al file php.ini, nella sezione File Uploads, portando upload_max_filesize = 5000.

sudo sed -i 's/AllowOverride None/AllowOverride All/'  /etc/apache2/apache2.conf
sudo /etc/init.d/apache2 restart

creazione della cartella di storage e relativi permessi:

sudo mkdir -p /media/usb-hdd/owncloud/dati
sudo chown -R www-data:www-data /media/usb-hdd/owncloud/dati
sudo chmod 0770 /media/usb-hdd/owncloud/dati
sudo reboot

come ultimo ritocco, aumentare la capacità di upload, andando a modificare il file .htacces, ed installare fail2ban:

sudo nano /var/www/owncloud/.htaccess

portando: php_value upload_max_filesize, e php_value post_max_size a 5000M

sudo apt-get install fail2ban

Se tutto è andato bene andare all'indirizzo https://ip_del_raspberry/owncloud ed apparirà la pagina iniziale, dove si dovrà scegliere nome utente e password per l'accesso, ed inserire il nome del database ed user e password dell'utente owncloud.

Owncloud 9 Apache Mysql su Raspberry Pi 3 e Raspbian

 

enjoy πŸ˜‰

 

Telefonare e Ricevere Gratis nel mondo con Asterisk iPhone e Vpn

 

      

 

Telefonare e Ricevere Gratis nel mondo con Asterisk iPhone e Vpn. Si può fare! Se si possiede un PBX Asterisk in casa o in ufficio, ed è giustamente configurato, si può decidere di essere sempre raggiungibile anche sul cellulare. Ci sono diversi modi per fare questo, basta creare una estensione in FreePBX, o mettere il numero di cellulare in un gruppo di squillo, ecc. ecc. Fino a che ci si trova all'interno della casa o dell'ufficio collegati alla propria rete locale, non ci sono problemi nel ricevere telefonate o effettuarle, passando dal centralino virtuale, il "problema" invece si pone quando ci si trova all'esterno e quindi di conseguenza non siamo più un interno telefonico. Anche in questo caso ci sono diverse soluzioni, per poter chiamare o ricevere le chiamate, una su tutte, si potrebbe configuare Asterisk/FreePBX dopo qualche squillo di girarci la chiamata sul telefono ecc. ecc, oppure usare un client voip opportunamente configurato. Ma secondo me invece il modo migliore è quello di essere sempre o quando si ha la necessità, connessi alla propria rete locale. Sembra difficile, ma in realtà è molto più semplice di quanto si pensi. Quello di cui si ha bisogno, oltre ad un minimo di conoscenza, sono:

  1. Una estensione configurata su FreePBX
  2. Un client Voip che supporti la VPN, come Bria iPhone
  3. Una VPN

 

Per quanto riguarda la configurazione di una Estensione su FreePBX ci sono molte guide sul web, ed anche in questo blog. Per quanto riguarda invece la VPN, bisogna avere un router (consigliato) con cui poterla creare, oppure un firewall. A livello domestico/ufficio si potrebbe prendere in considerazione l'acquisto di un router, per esempio un Linksys E1200-EZ v2, su cui poi installare DD-WRT, come ho fatto io. Infine serve acquistare per 8€ circa l'app per telefoni apple o android di Bria. Per quanto riguarda la configurazione è molto semplice:

Telefonare e Ricevere Gratis nel mondo con Asterisk iPhone e Vpn Telefonare e Ricevere Gratis nel mondo con Asterisk iPhone e Vpn Telefonare e Ricevere Gratis nel mondo con Asterisk iPhone e Vpn


Quindi se ci si trova lontani da casa, in Italia, basta collegarsi col proprio piano dati telefonico, alla VPN, per poi poter essere un interno e quindi chiamare e ricevere le chiamate. Se si è in vacanza all'estero, si può approfittare degli hotspot pubblici o dell'albergo per poter avviare la VPN, e poi fare una chiamata Gratis come se ci si trovasse a casa propria. Telefonare e Ricevere Gratis nel mondo con Asterisk iPhone e Vpn

enjoy πŸ˜‰

 

Configurazione Grandstream HT 503 con Asterisk e FreePBX

 

Configurazione Grandstream HT 503 con Asterisk e FreePBX

Configurazione Grandstream HT 503 con Asterisk e FreePBX. Questa guida mostra come configurare un Grandstream HT 503 con Asterisk e FreePBX. Il Grandstream HT 503 non è niente altro che un gateway/modulo ATA, che serve per utilizzare la propria linea telefonica all'interno di un PBX, nel mio caso lo utilizzo con Raspbx installato su un Raspberry pi 2. Di seguito mi limiterò a condividere gli screenshot della mia configurazione funzionante. Nell'immagine sopra si vedono due porte rj45 e 2 porte rj11, e si potrebbero utilizzare nel modo seguente:

  1. Line=FX0: bisogna inserire il cavo della propria linea telefonica.
  2. Phone=FXS: dove eventualmente andrà collegato un telefono analogico.
  3. WAN: inserire il cavo di rete.
  4. LAN: si può collegare direttamente un telefono voip.

Quindi l'obiettivo sarà quello di girare le chiamate che arrivano sulla nostra linea tradizionale ad un interno voip o analogico collegato al modulo ATA. L'indirizzo di default del Grandstream HT 503 è 192.168.2.1. In questa guida la rete è strutturata in questo modo:

  1. HT 503= 192.168.1.80
  2. Server PBX= 192.168.1.83
  3. numero principale= 023xxxxxx
  4. interno che squilla=101, ed essendo un telefono voip è collegato alla porta Lan

Status:

Grandstream HT 503 Asterisk e FreePBX

Basic setup:

è consigliabile settare l'ip dell'ATA in modo statico, nel mio caso ci pensa direttamente il router:

Grandstream HT 503 Asterisk e FreePBXGrandstream HT 503 Asterisk e FreePBX

in Unconditional Call Forward to Voip, inserire il proprio numero di telefono.

Advanced Settings:

Grandstream HT 503 Asterisk e FreePBX

f1=425@-12,f2=425-12,c=200/200-600/1000;
f1=425@-20,c=1000/4000;
f1=425@-20,c=500/500;
f1=425@-12,c=250/250;
f1=350@-11,f2=440@-11,c=100/100-100/100-100/100;
f1=425@-12,f2=425-12,f3=425@-12,c=400/200-600/100/100;
f1=350@-13,f2=440@-13,c=0/0;

FXS:

se non si usa si può lasciare non configurata.

fxs

fxs2

FX0:

Grandstream Device Configuration

sopra ci sono User ID e password, le quali poi saranno riportate al momento della crezione del Trunk in FreePBX.

Grandstream Device Configuration Grandstream Device Configuration Grandstream Device Configuration Grandstream Device Configuration

Adesso passare alla configurazione lato FreePBX, creando un Trunk con la linea principale:

trunk Configurazione Grandstream HT 503 con Asterisk e FreePBX

host=192.168.1.80
type=peer
context=from-trunk
authname=023xxxxxxx
secret=XXXXXXXXXX
canreinvite=no
insecure=port,invite
dtmfmode=rfc2833
nat=no
port=5062
disallow=all
allow=alaw&ulaw

come si vede il trunk punta al modulo ATA HT 503. Adesso bisogna creare l'Estensione 101, mettendo la stessa password anche sul telefono Voip che si andrà a configurare.

estensione

a questo punto bisogna dirottare le chiamate in entrata verso l'estensione 101, oppure verso un IVR o un gruppo di squillo. Andare in Connectivity-Inbound Routes:

inbound

poi andare in Connectivity-Outbound Routes:

outbound routes outbound routes

se tutto è andato bene, adesso si potranno ricevere e fare telefonate dalla nostra linea principale, passando dal centralino.

status

Updated: 12/06/2017

enjoy πŸ˜‰

 

Wireshark abilitare interfacce di rete

 

wireshark abilitare interfacce di rete

 

Wireshark abilitare interfacce di rete. In questa guida verranno descritti i passaggi per abilitare le interfacce di rete in  wireshark Dopo avere avviato il programma bisogna andare in Capture-Options per scegliere l'interfaccia di rete per lo sniffing, ma di default queste non compaiono su Debian. Per abilitarle:

sudo apt-get install wireshark libcap2-bin
sudo groupadd wireshark
sudo usermod -a -G wireshark $USER
sudo chgrp wireshark /usr/bin/dumpcap
sudo chmod 755 /usr/bin/dumpcap
sudo setcap cap_net_raw,cap_net_admin=eip /usr/bin/dumpcap

a questo punto saranno visibili nel menu Capture-Options.

enjoy πŸ˜‰